Vai …

 

E poi

mi hai

detto … vai.

 

E poi hai continuato

a dirmi …  

lasciami stare

e mentre vai

non ti voltare

dai vai …

cancellami dalla tua mente

io che per

te

non sono … niente.

 

Io che ho preso

la mia vita

la mia anima

il mio cuore

e infine il mio corpo

e in te l’ho riposto.

 

Stai zitto.

Ti ho detto vai

è inutile

che rimani qui

a fissarmi

con quello sguardo

da pentito che hai

come se potessi

perdonarti

per quello che

hai fatto

al mio amore

devastato.

 

Vai …

ti ho detto vai …

e no …

 non aprire quella boccaccia

che se parla

fai

altri danni

a questo rapporto

e

lo sai.

 

Come il …

poi

di domani

che

non ci sarà

mai

ma chi cazz …

me l’ha detto

di innamorarmi

di te

uno stronzo

che non riesco

nè a odiare

e nè a cancellare

ma posso

dire … vai

vai all’inferno

e restaci dentro

fino a quando

il fuoco non ti consuma

tutto il marcio

che hai.

 

Giusto

è lì che devi schiattare

in quelle tenebre

devi restare

per assaporare

lo stesso male

che prova il mio cuore

crepato per amore.

 

Non fiatare

non voglio

nè parlare

e né ascoltare

più  mio  il cuore

che urla

clemenza e amore

tanto

che prima

o poi

lo rifarai

e allora

è meglio

soffrire

ora

senza di te

che vai via … adesso.

robertoantonio@ucuntadin.com

                                                                    Roberto Antonio

HTML Comment Box is loading comments...

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge. Se vuoi pubblicare questa poesia in un sito, in un blog, in un libro o la vuoi comunque utilizzare per qualunque motivo contattami robertoantonio@ucuntadin.com