Due dimensioni Facebook e Matrix

 

Ti prego non volermene

quando dico:

non ti conosco.

Ti scongiuro credimi

quando sussurro che ti sbagli

non sono io.

 

Se Facebook è la realtà di molte anime

non è colpa mia se io sono rimasto incollato

al Matrix del mio mondo.

 

Il mio Matrix è la mia amata

a cui voglio un bene dell’anima

un bene immenso che nessuno porterà mai via.

 

Il mio Matrix

sono i miei figli con le mie nuore

e ancora di più sono i miei straordinari

favolosi e strepitosi nipoti.

 

Quello che voglio dire

anche se il mondo

è stato capovolto in cui si crede

a qualsiasi cosa senza pensare

se è vero o falso …

 non date retta

con il tempo che darà

ragione a tutto che colpisce il cuore.

 

Si! Amici e amiche

non date peso alle parole

che abbondano sulla bocca delle persone

che dicono di essere state

mie amanti

di essere la mia musa

di averle detto ti amo.

 

Che condanna

sono stato crocifisso

per colpe mai commesse.

Non sono stato un santo di uomo

e non è un segreto l’ho detto centinaia di volte

nei miei video.

Ma una cosa certa non ho mai giocato

con i sentimenti … mai.

 

Con questa lettera invito tutte

le persone con cui ho avuto il piacere di parlare

in chat o a voce

o di persona

a dire se io sono stato irrispettoso

nei loro confronti invitandole

a fare l’amore con me.

 

La mia pagina è qui.

Scrivete anche con un profilo falso

scrivete date voce alla verità.

 

Quella verità che io Roberto Antonio

porto nel cuore

che nessuna di voi potrà mai dire

di essere stata contattata

per scopi personali finalizzati al sesso o al denaro.

 

Questo non vuol dire che sono un santo.

Ciò che scrivo nei miei video

è il frutto dei miei peccati del passato

nella convinzione

di riscattarmi e forse di addormentarmi nella pace

in quella maledetta pace che non trovo

nella mia dimensione

del mio Matrix.

 

Per cui quando in pagina qualche anima scrive

che è stata la mia amante o lo è ancora

o vi contatta dicendo che è la mia musa

lasciate che il vento si porti via le sue parole.

Lasciate scorrere questa gelosia folle

di catturare la mia anima solo per loro.

 

Io nel mio Matrix sono Roberto Antonio

non puro ma sono leale e plasmato nei miei valori.

Nel mondo reale di Facebook

sono ù cuntadin

un’anima in pena

che chiamano il poeta triste.

 

Un contadino

che urla rispetto e amore.

Una continua guerra per proteggere l’amore.

 

L’amore per te che sei sola perché il fato

si è portato via il tuo amato.

L’amore per te che sei sola perché il destino

ti ha rubato un figlio/a un amico/a  … un caro.

 

Un’infinita guerra per salvare l’amore.

L’amore per tutto il genere umano.

L’amore per il Creato

è l’unico

e solo mondo che abbiamo ereditato.

 

Io ù cuntadin urlo amore per la musa

questa fata creata nel mio Matrix

e materializzata nella realtà di Facebook

per addolcire la mia anima insieme a voi.

 

Adesso hai compreso

Tu che ti dichiari mia amante e musa

il perché non puoi mai esserlo stata?

 

Due dimensioni.

Tu vivi la realtà di Facebook

mentre io vivo nel mio fantasioso

mondo di Matrix

e anche a volerlo non potremmo mai toccarci

per fare l’amore.

robertoantonio@ucuntadin.com

                                                                    Roberto Antonio

HTML Comment Box is loading comments...

Creative Commons License. Questa poesia è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons: è possibile riprodurla, distribuirla, rappresentarla o recitarla in pubblico, a condizione che non venga modificata od in alcun modo alterata, che venga sempre data l'attribuzione all'autore/autrice, e che non vi sia alcuno scopo commerciale.