Collana video poesia Nr.17

 

La rinascita

 

Ti amo

mio dolce amato

mio unico respiro

mio cuore condiviso.

 

Ti amo e ancor più ti amo

per le infinite volte

che non ti ho sussurrato

ti amo

dopo aver fatto l’amore.

 

Mi hai invitata

a dividere la tua dimora senza parlare

è bastato darmi la chiave

e tra un sorriso e un bacio

ho capito che il momento era arrivato.

 

 

È oltre un’ anno che ci vediamo tutti i giorni.

Ogni scusa è buona per arricchirci

l’uno dell’altro.

 

Non mi hai chiesto nulla del mio passato

ed io ho rispettato il tuo volere

perché ho compreso che di te

niente mi volevi far sapere.

 

Sono convinta che quel passato

bagaglio di entrambi

non è ancora maturo

per essere assimilato.

 

Lasciamolo al tempo

solo lui ci indicherà la data

per spiattellarlo al vento.

 

Ora con la chiave

del tuo cuore nella mia mano

piango

e questa volta non sono lacrime di dolore

ma bensì gocce insaporite di amore.

 

Mi hai raccolta

tra lo squallore dei marciapiedi

e la desolazione di un’ immenso dolore

e nel giardino dell’amore

mi hai adagiata

per essere amata.

 

Guardo la tua chiave

e non posso crederci

che questa fiaba abbia

fatto di me

la prescelta

fra tante di tutto il reame.

 

Questa realtà

che ogni giorno ci consuma

nella speranza perduta

ma

basta il tocco di una piuma

per solleticare un’emozione … d’amore.

 

Quell’emozione che ha massaggiato

il mio cuore morto

e poi risorto

da quando ho deposto

un libro nello scaffale del destino.

 

Lo so non è giusto

per te desiderio passato

ma il fato ha decretato

la tua presenza nello scantinato

con tutti gli onori meritati

di un’ amore tramontato.

 

Ora

in questo momento

ho voglia di vivere

ho voglia di impazzire

per quell’uomo che si è rubato un bacio

tra le lacrime e la rinascita di una nuova vita.

 

robertoantonio@ucuntadin.com

                                                                                 Roberto Antonio

HTML Comment Box is loading comments...

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge. Se vuoi pubblicare questa poesia in un sito, in un blog, in un libro o la vuoi comunque utilizzare per qualunque motivo contattami robertoantonio@ucuntadin.com